lunedì 11 giugno 2018

Asterix e il giro di Gallia


Capitolo 12 

Il recupero del sacco 

Era mezzanotte e mezza, pure il cagnolino si era addormentato.
In lontananza si sentivano dei passi; qualcuno stava camminando nel bosco in piena notte. 
Due loschi figuri si avvicinarono ai due eroi. 
Uno era grande e grosso, quasi calvo, indossava un pantalone e portava delle scarpe gialle e assomigliava a Obelix.
L'altro era basso e magro proprio come Asterix, aveva i capelli neri e indossava un paio di scarpe rosse. 
I due si chiamavano Plessus e Radius ed erano dei briganti, infatti rubarono  il sacco dei nostri amici e se ne andarono.
All'alba Asterix e Obelix si svegliarono e non trovando il sacco Asterix capì e disse:" Dobbiamo arrenderci all'evidenza! Ci hanno rubato il sacco delle specialità! Dobbiamo ritrovarlo. Senza il sacco il nostro viaggio sarà stato inutile! I ladri non possono essere andati lontano con quel sacco così pesante!" 
I due amici saltarono in sella ai loro rispettivi cavalli e andarono al galoppo in cerca del loro sacco, ma si fermarono quasi subito perchè davanti a loro c'erano i tue loschi tipi che avevano rubato il loro sacco, è non erano soli!
Li avevano appena catturati il generale Motus con i suoi legionari,credendo che fossero Asterix e Obelix. 
Asterix e Obelix si nascosero.


Motus

Plessus cercò di spiegare al generale Motus:" Ma vi dico che non siamo Asterix e Obelix! Siamo briganti, ma Romani! Io sono Plessus e lui Radius!" 

Allora il generale gli rispose con un forte accento romano:
"Per Saturno, me fate ride! Corrispondete alla segnalazione! Uno piccolo e uno grosso mostruoso che porta un sacco!" 
Come già sapete Obelix non sopportava che lo chiamassero grosso, fece per uscire dal nascondiglio, ma per fortuna Asterix lo fermò dicendo a bassa voce: "Calma, Obelix! Li seguiremo a distanza!" 
La grande città di Burdigala* fu messa subito al corrente della sensazionale cattura e i suoi abitanti diventarono molto tristi appena lessero un cartello, che diceva: "Asterix e Obelix i due Galli che sfidarono Roma, saranno esposti nella grande piazza di Burdigala, come esempio.
Il generale Motus, comandante della guarnigione, terrà un discorso."
Dopo un po' Asterix e Obelix arrivarono a Burdigala e quando arrivarono alla grande piazza il generale Motus aveva già iniziato il suo discorso e la prima cosa che sentirono fu proprio la voce del generale che diceva indicando il loro sacco delle specialità: "E questo sacco è la prova stessa della sconfitta di questi due infami che hanno sfidato la potenza di Roma!"
Allora Plessus E Radius dissero di nuovo al centurione che loro non erano Asteix e Obelix.
A quel punto irruppero nella piazza Obelix e Asterix e quest'ultimo disse al generale Motus: "Quegli uomini dicono la verità! E restituiteci il nostro sacco che abbiamo fretta!"
Appena il generale si rese conto che quei due che aveva catturato non erano Astertix e Obelix ordinò ai suoi legionari di catturare immediatamente i due eroi, ma per fortuna tutti gli abitanti di Burdigala erano dalla parte dei nostri amici, quindi andarono verso i legionari impedendo loro la cattura.
In questo modo Obelix e Asterix poterono recuperare il sacco delle specialità delle città visitate e andarono a comprare la specialità del luogo, l'ultima specialità del loro viaggio...mentre il cagnolino continuava imperterrito a seguirli; ancora loro  incredibilmente non lo avevano notato.
Andorono in un piccolo negozio e Asterix ordinò al negoziante: "Un'anfora di vino bianco di Burdigala e delle ostriche da portare via."
Il negoziante gliele diede e loro andarono al porto in cerca di una nave per ritornare al loro villaggio con il cagnolino dietro di loro che continuava a seguirli.

Cristiano
* Bordeaux  

1 commento:

  1. Siamo quasi alla fine, mi mancherà il racconto dopo la conclusione...
    Buona giornata

    RispondiElimina