lunedì 19 marzo 2018

Vi racconto un fumetto

Asterix e il giro di Gallia


Capitolo 3 

Lo strano modo di parlare degli abitanti di Rotamagus

Asterix e Obelix avevano lasciato il villaggio ormai da molte ore. C'era uno strano silenzio intorno a loro,ma Asterix lo ruppe dicendo: "Prima che diano l'allarme forse riusciremo ad arrivare a Rotamagus*. Da là, lungo il fiume raggiungeremo Lutezia!"
Intanto Obelix aveva visto passare li vicino un legionario romano a cavallo e dopo un lungo cammino Asterix e Obelix incontrarono un abitante di Rotamagus che mungeva una mucca vicino ad una stradina; si avvicinarono ed Asterix gli chiese: "Rotamagus è per di qua? " ma Asterix non sapeva che gli abitanti di Rotamagus avevano uno strano modo di rispodere, infatti l'abitante di Rotamagus rispose: "forse che si!" comunque Asterix capì lo stesso che la risposta era un si. A quel punto Obelix,  che era molto stanco, chiese all'abitante di Rotamagus: "E lontana?" l'abitante di Rotamagus rispose: "Forse che no!"  e anche Obelix capì, che non era lontana.
Asterix e Obelix ripresere a camminare e non si fermarono sino a quando non videro un cartello con scritto "Rotamagus".
Stavano per raggiugere il fiume quando sentirono una voce dietro di loro che disse: "Alt!" Si voltarono e videro una pattuglia. Subito dopo il decurione disse ai legionari: "Uno piccolo e uno grosso! Prendiamoli!" Subito dopo che il decurione finì di parlare Asterix e Obelix svoltarono in una stradina secondaria dirigendosi verso il fiume e mentre correvano, Asterix disse: "Sono già stati avvertiti! Il romano che li ha avvertiti era un corriere!"
Intanto che i romani li rincorrevano si accorsero che erano finiti in un punto dove le strade si mischiavano come in un labirinto. 
Per fortuna, Asterix e Obelix non si  persero, dato che erano già vicini al fiume e continuando a scappare lo incronciarono buttandosi in acqua.  A quel punto Obelix chiese: "E ora come facciamo ad arrrivare sino a Lutezia?" 
Per fortuna, li vicino, c'era un battello. Asteix e Obelix si misero a nuotare raggiungendolo. Appena furono sul battello videro davanti a loro una coppia di romani, Familcuscus e Flavia.
Flavia

Familcuscus appena li vide disse: "Scendete giù subito! Ho affittato il battello per festeggiare l'anniversario di matrimonio con mia moglie Flavia! Non voglio intrusi" 
Flavia parlò in loro aiuto dicendo al marito: "Oh caro, lasciali, poverini!" E così Familcuscus dovette lasciarli suo malgrado sul battello.
Asterix si rese conto che il battello non era molto veloce, quindi chiese a l'unico marinaio che era a bordo: "Il problema è che non va veloce! Avete dei remi?" Il marinaio rispose che non avevano remi visto che il battelo era a vela.
Ad Obelix venne un idea e chiese ad Asterix: "Asteix e se spingessi il battello? Tu puoi tenere il timone.
Asterix felice rispose: "Buona idea Obelix!" E così grazie ad Obelix  il battello andò molto più velocemente.
Trascorsi pochi minuti i due eroi furono arrivati a Lutezia e vi sbarcarono.
*Rouen

Cristiano

1 commento: