venerdì 9 gennaio 2015

Parole che ci parlano

Dopo tanto tempo riprendo la mia rubrica e oggi voglio ricordare la strage dei giornalisti del giornale satirico "Charlie Hebdo" avvenuta a Parigi.
Ieri parlando con mamma di questa strage mi è venuta in mente una frase letta su un libro che racconta la storia di Pablo Neruda, libro che vi consiglio di leggere.

Voglio anche condividere con voi una frase tratta da questo libro :

"Ti sbagli. Proprio come nel monte Llaima, c'è sempre qualcosa che cova sotto la cenere. A volte passano anni prima dell'eruzione. Ma prima o poi succede. Nipote, possono aver soffocato "La Manana ", ma non ridurranno mai al silenzio la mia penna. "
In questa frase a parlare era lo zio di Pablo.



Ecco mi sembra che questa frase ci stia a pennello, quindi nessuno potrà mai ridurre al silenzio la
nostra penna.
Voglio ricordare anche una frase di Neruda: "Il fuoco nasce dalle parole? O sono le parole che nascono dal fuoco? "


Io volevo scrivere soltanto questo.............


A presto e buon week-end !
Agnese  J







Nessun commento:

Posta un commento